Home » Informazioni » Omeopatia invernale unitari

Omeopatia invernale unitari

OMEOPATIA X L'INVERNO


Ecco i rimedi unitari per le malattie da raffreddamento
Rinite, sinusite e otite sono tra le più frequenti patologie
otorinolaringoiatriche nella stagione fredda. Il
più delle volte si presentano da sole, ma facilmente
si manifestano in associazione. Spesso sono recidivanti
basti pensare, per esempio, ai bambini che soffrono
di un’otite dietro l’altra, molte volte come conseguenza
di un banale raffreddore. In inverno possono
presentarsi altre sono altre patologie comuni in
inverno, causate dall’infiammazione della mucosa
della faringe, della laringe e delle corde vocali:
faringite e laringite acute. I medicinali omeopatici,
per la loro efficacia, per l’assenza di effetti collaterali,
per la facilità di somministrazione, vengono utilizzati
con successo fin dai primi sintomi.

RINITE
La rinite acuta (o corizza o raffreddore) è una virosi
che insorge di solito in forma epidemica, causata
da un Rhinovirus e evolve in tre stadi clinici, la terapia
omeopatica varia a seconda dello stadio della
malattia.
NUX VOMICA
(Noce vomica, pianta della famiglia delle Loganiacee).
Sintomi: salve di starnuti, specie al mattino al risveglio,
rinorrea acquosa diurna e ostruzione nasale
notturna con russamento.
Peggiora: con il caldo
Migliora: all’aria aperta
Diluizione: 9 CH
Posologia: 5 granuli ogni ora all’inizio dei disturbi,
diradando la somministrazione con il miglioramento.
STICTA PULMONARIA
(Lichene polmonario, pianta della famiglia delle Stictacee).
Sintomi: secchezza della mucosa nasale e faringea,
ostruzione nasale, sensazione dolorosa di pesantezza
alla radice del naso, tosse secca e irritante.
Migliora: con la secrezione nasale.
Diluizione: 5 CH
Posologia: 5 granuli ogni 2-3 ore
ALLIUM CEPA
(Cipolla, pianta della famiglia delle Liliacee).
Sintomi:
rinorrea acquosa fluente, bruciante, irritante
la mucosa nasale, salve di starnuti, lacrimazione
acquosa non irritante, tosse secca spasmodica.
Peggiora: con il caldo
Migliora:
all’aria aperta e fresca
Diluizione: 9 CH
Posologia:
5 granuli ogni ora, fino a miglioramento.
KALIUM MURIATICUM
(Cloruro di potassio).
Sintomi: raffreddore con muco biancastro. Sordità
momentanea per aumento di muco nell’orecchio
Peggiora: con il freddo
Migliora: con il caldo secco
Diluizione:
5 CH
Posologia: 5 granuli 3 volte al dì, fino a risoluzione
KALIUM BICROMICUM
(Bicromato di potassio).
Sintomi:
raffreddore con dolore alla radice del
naso, muco spesso giallo-verdastro, aderente, formante
tappi e croste sanguinolente.
Peggiora: con il freddo
Migliora: con il caldo
Diluizione: 5 CH
Posologia:
5 granuli 3 volte al giorno fino a risoluzione
PULSATILLA
(Anemone pulsatilla, pianta della famiglia delle Ranuncolacee).
Sintomi:
tosse secca notturna, naso ostruito la
notte, tosse produttiva diurna, specie al mattino
al risveglio, muco nasale denso, giallastro di
giorno. Peggiora: con il caldo confinato
Migliora:
all’aria aperta
Diluizione: 5 CH
Posologia:
5 granuli 2 volte al
dì, fino a risoluzione
SINUSITE
La sinusite acuta è l’infiammazione
della
mucosa che riveste i seni
paranasali (frontali,
mascellari, etmoidali e sferoidali).
Le cause sono
soprattutto virali, ma
anche batteriche. La sintomatologia
dipende dalla
sede dell’infiammazione.
Nella sinusite frontale il
dolore è alla radice
del naso e compare
quando il soggetto
sta in piedi; la
secrezione dal
naso può essere
più o meno
abbondante,
persistente e
può diventare
purulenta; la
tosse è soprattutto
notturna e a volte
compare la febbre.
Nella sinusite
mascellare il dolore
è a livello degli
zigomi,la secrezione
nasale è scarsa o
nulla.
STICTA PULMONARIA
(Lichene polmonario, pianta della famiglia delle
Stictacee).
Sintomi:
sinusite frontale acuta
con secchezza della mucosa
nasale, ostruzione nasale,
sensazione dolorosa di
pesantezza alla
radice del naso.
Migliora: con la
secrezione nasale
Diluizione: 5 CH
Posologia: 5 granuli ogni 2-3 ore
KALIUM IODATUM
(Ioduro di potassio). Sintomi: sinusite frontale caratterizzata da rinorrea
acquosa abbondante, bruciante, irritante,
dolore e sensazione di costrizione alla radice del
naso. Peggiora: di notte
Migliora: con il caldo
Diluizione: 5 CH
Posologia: 5 granuli 3 volte al dì
HYDRASTIS CANADENSIS
(Idraste, pianta della famiglia delle Ranuncolacee).
Sintomi: sinusite frontale con secrezioni mucose
abbondanti, giallastre, viscose, filanti, dolori brucianti
alla radice del naso.
Peggiora:
con il freddo e all’aria aperta
Diluizione: 5 CH i 5 granuli 3 volte al giorno
MEZEREUM
(Legno gentile, pianta della famiglia delle
Dafnoidi).
Sintomi:
sinusite
mascellare con rinorrea purulenta e/o sanguinante
e dolori brucianti a livello degli zigomi.
Peggiora: con il freddo, l’umidità e il contatto
Diluizione: 7 CH
Posologia:
5 granuli 3 volte al giorno
OTITE
L’otite acuta è un’infiammazione dell’orecchio
medio o esterno. Provocata di solito da infezioni
virali di origine rinofaringea, può tuttavia avere
anche un’origine batterica. Otite congestizia, caratterizzata
da otalgia acuta e arrossamento del condotto
uditivo esterno e della membrana timpanica;
otite catarrale, caratterizzata da senso di pienezza
auricolare e ipoacusia, l’otalgia è modesta o assente;
otite purulenta, in cui sono presenti un’essudazione
purulenta dal condotto uditivo esterno e otalgia
continua fino a quando non si perfora la membrana
timpanica, lasciando fuoriuscire materiale
purulento e attenuando subito il dolore.
BELLADONNA
(pianta della famiglia delle Solanacee)
Sintomi:
otite acuta congestizia a esordio improvviso
con febbre alta, dolore pulsante, sudorazione
abbondante e iperestesia generale.
Peggiora: al contatto e con il freddo
Migliora:
in posizione semiseduta
Diluizione: 9 CH
Posologia:
5 granuli ogni 2 ore diradando
la somministrazione con il miglioramento
dei sintomi.
CAPSICUM ANNUUM
(Peperoncino, pianta della famiglia delle solanacee).
Sintomi:
in caso di otite acuta congestizia
con otalgia a colpo di pugnale, sensazione
di bruciore e iperestesia al contatto.
Il dolore all’orecchio si irradia alla
mastoide. Peggiora: con il freddo e con il contatto
Migliora: con il caldo
Diluizione: 9 CH
Posologia:
5 granuli ogni 2 ore diradando la somministrazione
con il miglioramento dei sintomi.
FERRUM PHOSPHORICUM
(Pirofosfato di ferro)
Sintomi:otite acuta congestizia e catarrale,
con febbre media o bassa a esordio progressivo,
otalgia con pulsazioni, alternanza di
congestione e pallore del viso. Tosse secca
e dolorosa. Peggiora:
di notte
Diluizione: 9 CH
Posologia:
5 granuli ogni 3 ore
KALIUM MURIATICUM
(Cloruro di potassio).
Sintomi: otite acuta catarrale, conseguente
a una rinite acuta, con muco biancastro.
Sordità intermittente, senso di pienezza da
catarro nella tuba di Eustachio, fischi auricolari
alla deglutizione.
Peggiora:
con il freddo
Migliora: con il caldo secco
Diluizione: 5 CH
Posologia:
5 granuli 3 volte al dì fino a risoluzione.





Ritorna all'Elenco